venerdì 19 aprile 2013

Chili con carne, peperoni e ceci, fiorellini di tortillas e salsa al cetriolo









 Se sono riuscita a fotografare questo squisito piatto di chili lo devo a Seneca, si si proprio al lui lo scrittore, filosofo e poeta romano. 
Grazie a lui mia madre non ha divorato questo chili mentre ero al parco con i miei figli infatti dopo avermene dette di tutti i colori perché ho frullato i peperoncini che ho lasciato a mollo (i vapori hanno invaso la cucina, mia madre ed io lacrimavamo di continuo a me bruciava il naso da morire, ho aperto tutte le finestre e fortunatamente la situazione è migliorata)  ha esordito che lei non avrebbe mangiato niente perché se c'era troppo peperoncino avrebbe fatto male alla sua pressione (l'aveva sentito in tv).
Metto sul fuoco la pentola a fuoco bassissimo e dopo un'ora quando cominciavo a sentire un profumino per tutta la casa vedo arrivare mia madre che mi dice che è buonissimo, sono contenta ma vedo che pur non essendo terminata la cottura lei continua a tornare davanti alla pentola sul fuoco ed assaggiare. "Mammaaaaaa, devo fare la foto! E poi questo dobbiamo mangiarlo domani." 
    "Domani?!?!"
   "Ma è troppo buono!"
   "Si mamma devo fare anche le tortillas ed un'altra cosa"
   Sono andata al parco con i figli e quando sono tornata mi ha confessato che era stata tentata tutto il      pomeriggio di mangiarlo ma che fortunatamente stava leggendo "L'arte di essere felici" di Seneca nel quale consigliava di avere un comportamento "virtuoso" per essere felici e stare bene con se stessi e che grazie alle sue parole è riuscita a non alzarsi per andare in cucina dove l'attirava quel profumino e a non dimezzare il piatto assaggiandolo a poco a poco.
 Lo scorso mese  la sfida dell'MT sulla Fideua è stata vinta da Anne e la ricetta che ha proposto per il mese di Aprile è stata proprio il Chili con carne. Ho mangiato un po' di volte questa pietanza sempre buonissima ma devo dire che la mia versione mi ha molto soddisfatta anche per la reazione di mia madre (sempre un po' critica) che tra l'altro dopo averlo mangiato aveva la pressione perfetta infatti abbiamo letto dopo che la capsaicina in realtà dopo un primo momento in cui la fa alzare la regolarizza. :-)
Ho pensato a questa versione perché avevo una confezione di ceci biologici in dispensa e dato che il chili sta bene con i legumi e che a casa mia un piatto di ceci cotti e caldi si mangia indispensabilmente con tanto peperoncino ho fatto solo 2+2. Inoltre dato che non ho trovato i peperoncini freschi per fare la salsa ho cercato di renderla più densa con la polpa del peperone, la cipolla e la polpa di mezzo pomodoro.

Ecco qui la mia versione:
Ingredienti:
un grosso peperone rosso
200g di ceci secchi
400g di bocconcini di bovino adulto
peperoncini cayenna io ho messo tutti quelli della foto in alto (troppi),
1/2 pomodoro rosso 
1/2 cipolla media
sale
Intanto la sera prima ho messo i ceci in una ciotola ho aggiunto l'acqua fino a coprirli e i peperoncini interi ma privati dei semini. 
La mattina seguente ho messo il peperone ad abbrustolire sul fuoco del fornello per poterlo spellare (vedi foto). Ho tolto dall'acqua i ceci ed aggiunto la mezza cipolla tagliata sottilmente, metà del peperone spellato a pezzettini e il pomodoro spellato e privato dei semini, ho frullato il tutto con il frullatore ad immersione ed ho ottenuto  così come ho detto sopra una cremina micidiale, fortuna che ho riguardato la ricetta di Anne ed usato solo metà della salsa chili, l'altra metà mi aspetta in freezer ;-)
Ho messo la carne, i ceci e il peperone rimanente tagliato a pezzetti nel tegame da mettere sul fuoco bassissimo con la salsa, ho aggiustato di sale, ho coperto lasciando una piccola fessura.

Le tortillas di Anne a forma di fiorellini le ho fatte 2 volte, la sera di domenica 14/4 quando sono sparite in un attimo e ne avevo fatte tantissime, e a pranzo il lunedì quando ho fatto finalmente la foto.

Per accompagnare ho pensato a questa salsa al cetriolo che smorzava il piccante per fartelo apprezzare ancor di più alla seguente forchettata, noi l'abbiamo mangiato alternando un boccone di chili con uno di tortilla immerso nella salsa, ho anche immerso il boccone di carne....una goduria!!! PROVATELO!!!!!!

Per la salsa ho frullato 200g di cream cheese con un cucchiaio di succo di limone e la polpa di un cetriolo medio sbucciato e privato della parte interna con i semi, infine ho aggiunto un pizzico di sale.
Con questa ricetta partecipo alla sfida di aprile dell'MT


11 commenti:

  1. Ringrazio anche io Seneca che ha intrattenuto la mamma, altrimenti non avrei visto questa bella ricetta! Complimenti

    RispondiElimina
  2. Gloria, sfortunatamente dobbiamo mettere la tua ricetta fuori concorso: sono dispiaciutissima, ma avendo cotto contemporaneamente ceci e carne, nella stessa pentola, non possiamo considerarli un contorno, e quindi la ricetta non è completa... Hai fatto un lavoro splendido, addirittura l'aggiunta di una salsa pensata per compensare l'eccesso di piccante del piatto: non ho veramente parole! Spero che tu abbia voglia di utilizzare quel po' di chili che avevi messo da parte.... per creare ancora una meraviglia per noi. Grazie , in ogni caso.
    Dani

    RispondiElimina
  3. mm che bontà, immagino che buon sapore questo piattino, complimenti Gloria!!!

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace che la tua ricetta sia fuori concorso..è davvero gustosissima!!!
    Compliments!!

    RispondiElimina
  5. Gloria, sono dispiaciutissima, avevi fatto un bellissimo Chili e quando ho letto il post mi ha colpito subito anche la forma delle tortillas, davvero simpatiche. Anche il tocco della slasa rinfrescante, molto indovinato; se solo i ceci fossero stati cotti a parte sarebbe stato perfetto.
    Mi ha fatto felice pero' leggere che la ricetta vi e' piaciuta--grazie a Seneca e alla virtu' :)--anche da me le tortillas vanno fatte in tripla dose perche' spariscono piu' in fretta di quanto io riesca a cuocerle.

    --Ann

    RispondiElimina
  6. Sìììì, adoro questi piatti unici corposi e saporiti, ottimo Gloria!!!! Mi dispiace che un piattino così non sia in gara.... Un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. allora: "meno male che Seneca c'è" parafrasando la celebre frase dedicata all'altro S.
    mi piace, anch'io mangio pasta e ceci piccantissima!!!

    RispondiElimina
  8. Meno male che ci ha pensato Seneca a distrarre la mamma, altrimenti addio al reportage per mostrarci la bontà di questo piatto, complimenti carissima!!!

    RispondiElimina
  9. Gloria I love this look really delicious!!

    RispondiElimina
  10. adoro il chili, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina